Le dimensioni contano? Sfatiamo i falsi miti

anatomia, pene-dotats

Sì, le dimensioni contano.
Non ti mentirò: la selezione naturale, o meglio la selezione sessuale, è a favore di peni lunghi. 

Ma non disperare, questa regola varrebbe solo se andassimo ancora in giro completamente nudi e il sesso avesse come obiettivo la sola riproduzione.
Gli studi dimostrano infatti che un pene lungo – sempre quello che secondo la selezione naturale susciterebbe maggiore attrazione – deposita lo sperma in una parte più alta della vagina. Questo sperma farà meno fatica a fecondare l’ovulo rispetto a quello di qualsiasi altro pene più piccolo che entrerà nella stessa vagina con lo stesso scopo. Semplice statistica. 

Qual è allora la buona notizia? Che noi persone evolute siamo vittime dell’amore romantico insegnatoci da Walt Disney.
Se sei alla ricerca della risposta alla domanda “le dimensioni contano?”, probabilmente non te ne frega niente (o quasi) della riproduzione, che comunque avviene per tutti i tipi di pene. Probabilmente te lo stai chiedendo perché il tuo obiettivo non è tanto riprodurti, quanto regalare e provare piacere.

Innanzitutto, BRAVS! Mi sembra un ottimo modo per utilizzare il tuo tempo. Il piacere è una delle cose che più di tutte muove le nostre vite. 
Preparati a scoprire come darlo anche con un piccolo pene.

L’anatomia parla chiaro: non servono i superdotati per stimolare i punti giusti

Prima di passare alla parte pratica, ecco qualche informazione dal libro di anatomia.

  • La vagina è profonda tra i 7 e gli 11 cm, con la parte più sensibile che si trova a circa 2/3 cm dall’inizio del canale.
  • Se parliamo di canale anale, il punto che secondo la scienza provoca più piacere è la prostata. Questa si trova a circa 3/4 cm dall’inizio del canale. 
  • La lunghezza media dei peni italiani in erezione è tra i 12,5 e i 17,5 cm.

Possiamo quindi dire con tranquillità che un pene di dimensioni nella media – ma anche sotto la media – riesce a occupare molto bene il canale vaginale e a stimolarne i punti giusti. 
Per entrare nel canale anale, poi, bisogna superare dei muscoli molto stretti che sono gli sfinteri anali, a cui notoriamente non piacciono le cose troppo grosse. 

Condividi la buona novella con i tuoi amici postando questo articolo sui social!

“Ma quindi da dove nasce la fissa per i giga-peni?”

VI STARETE CHIEDENDO

Abbiamo un’idea distorta della realtà dovuta al fatto che i peni che vediamo in maggiore quantità e con maggiore frequenza sono i giga-peni dei porno. Grazie @pornhub!

Purtroppo o per fortuna (dipende dai punti di vista) i porno, come i film in generale, sono degli strumenti di intrattenimento che non rispecchiano necessariamente la realtà. Proprio per questo per i pornoattori le dimensioni contano. 

È lo stesso ragionamento che viene fatto per chi deve fare la parte del supereroe o del bello e dannato nei film. Per quanto vogliamo cercare di essere inclusivi, avresti veramente apprezzato qualcuno di diverso da Jason Momoa per interpretare Khal Drogo?

Come fare del gran sesso con un piccolo pene: i pop-consigli

Visto che le dimensioni del pene non si possono cambiare, la cosa migliore è fare quello che fanno tutti i supereroi: trasformare il tuo limite in un superpotere

Per cominciare, togliti dalla testa l’idea che la penetrazione sia l’unica cosa importante del sesso e concentrati sui miei pop-consigli.

SESSO CON VULVA-DOTATS

Come ho già detto anche un piccolo pene riesce ad arrivare a stimolare le parti più sensibili del canale vaginale.

Sicuramente ci sono delle posizioni più funzionali di altre, che ti permettono di usare tutta la lunghezza del pene o di stringere al massimo il canale vaginale e quindi sentire (e dare) più piacere.
La pecorina (vulva-dotats piegata in avanti e pene-dotats che si inserisce da dietro) è la posizione che più di tutte ti fa sfruttare la lunghezza del pene. 
Per stringere al massimo il canale vaginale, invece, chi ha la vulva dovrà tenere le cosce più chiuse che può. Un modo per farlo è la posizione che io chiamo “missionario con la bandiera”: vulva-dotats sdraiata a pancia in su con le gambe chiuse appoggiate alla spalla del pene-dotats.

SESSO CON ANO-DOTATS

Se l’obiettivo è infilare il pene nel canale anale, easy: un pene piccolo è meglio!
Infatti riesce a superare con meno dolore gli sfinteri anali e a regalare grandi gioie, senza grandi dimensioni.

SESSO

La cosa importante da ricordare SEMPRE è che quando parliamo di sesso non parliamo solo di penetrazione
La vulva, la vagina, l’ano e il canale anale hanno tantissime terminazioni nervose che si possono toccare con altri strumenti o parti del corpo per dare un immenso piacere. 

Oltre ai genitali siamo pieni di zone erogene che devono essere scoperte, così come i tuoi superpoteri. Magari avere un piccolo pene sarà una spinta in più per diventare una divinità nel regalare orgasmi ascellari.

Tutto sta nel trovare il superpotere che ti renderà indimenticabile!

Cosa pensi delle dimensioni dopo aver letto questo post? Parliamone nei commenti.

Silvia Gioffreda

3 Commenti

  1. marco

    Voi donne quando parlate del problema delle dimensioni non siete credibili, punto. Sessuologhe o donne comuni quando dicono che la dimensione del pene non è importante raccontano solo un sacco di balle perchè tutte le donne, ripeto tutte le donne a letto vogliono il vero Maschio e per essere Veri Maschi bisogna avere il pene tra i 18 e i 20 cm (e non 12 – 16 come tante volte vedo scritto nei differenti siti che parlano di questo!). La vera media italiana sta tra i 18 e i 20 cm in erezione e nessuna donna vuole un uomo con un pene inferiore perchè alle donne tutte interessa raggiungere l’orgasmo vaginale e per raggiungerlo bisogna che l’uomo abbia un pene non inferiore ai 18 cm perchè la vagina femminile — al contrario di quello che dicono le ginecologhe — è lunga tra i 18 e i 21 cm e questo lo dico con certezza perchè quando guardo i filmini amatoriali vedo ragazze e donne mature che si infilano un dildo di 20 cm e ci sta tutto dentro, se lo infilano tutto fino in fondo, quindi la vagina è lunga e non corta. Questo è il motivo per cui la donna ha bisogno sempre di un pene non minore di 18 cm quando fa l’amore per raggiungere l’orgasmo vaginale il vero obiettivo sessuale di tutte le donne. Quelle che continuano a dire che le dimensioni non contano e si può fare l’amore anche con un pene piccolo (addirittura tirano in ballo i superpoteri come fosse una specie di superman!) raccontano solo una grande balla perchè magari poi sono proprio quelle donne che alle altre vanno a dire che le dimensioni non contano ma a casa hanno il marito o il fidanzato con il pene tra i 18 e i 20 cm. Le donne quando parlano di dimensioni del pene — sessuologhe o donne comuni che siano — non sono credibili, ripeto non sono credibili e raccontano solo balle creando un danno incredibile a quei minidotati che leggendo poi finiscono per convincersi di essere normali mentre normali non lo saranno mai. A tutte le donne piace l’uomo con il pene normo o superdotato, mentre il pene piccolo per qualsiasi femmina è pura schifezza. Infatti noi minidotati (e io posso dirlo perchè ho il pene in erezione di 9 cm come quello di un bambino delle elementari) siamo considerati dalle donne come delle merde da evitare accuratamente nella vita, un po’ come se fossimo dei lebbrosi. Questo lo dico senza timore di essere smentito. Quindi, care donne, cominciare a raccontare la verità della questione dicendo che solo chi ha il pene sopra i 18 cm è desiderato dalla donne, tutti quelli che stanno sotto purtroppo no. Cominciate a dire la verità perchè solo in questo modo fate un vero servizio sociale utile e smettetela di raccontare balle.

    Rispondi
  2. Sai

    Hai perfettamente ragione, io per i forum sono nella media perfetta ossia 14,7X12.7, ho avuto diverse ragazze, donne mature e la maggioranza di queste si sono sblilanciate a battute poco carine per non dire peggio.
    C’è quella che dopo avere fatto sesso ti dice che il suo ex aveva un affare così, quella che ti dice se sei entrato dentro…Quella che ti manda foto del pene (super) del suo attuale ragazzo, quelle che al bar parlano delle tue performance e delle tuo misure, quella che fa riferimento fra te e un altro che si è scopato e via così.
    Le medie nostrane sui vari siti , medici, specialisti…non sono veritiere, la realtà delle medie sono 17/18, non 12/ 16.
    Tutto il resto è aria fritta.

    Rispondi
  3. Bred

    Come lo utilizzi è imperativo, se hai un pene di 20 cm e duri un minuto difficilmente la donna di turno ti contatta di nuovo.
    Che le medie riportate sui vari forum non siano attendibili è una mia idea ma credo non lontatana dalla realtà in quanto la maggioranza di uomini italiani , diciamo un buon 66% sta messo a oltre 16 cm, un 17% è sui 10/12 l’altro rimanente 17% è sui 18/20
    Perchè non chiedete alle escort quali sono le misure più gettonate , chi meglio di loro è a conoscenza del contesto?
    Tanto più che loro lavorono sul campo…
    Una ragazza tempo addietro ha lasciato il suo ragazzo molto dotato (sui 19 cm) per mettersi insieme a me (sotto i 15 cm)
    Dimensioni non elencate dalla ragazza in oggetto ma sapute da altre fonti, lei con me provava tanto piacere e mai ha menzionato ne le misure ne l’eventuale piacere con il suo ex.
    Le ragazze, donne, cerchiamole buone…

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share This

Condividi il post!

Se è piaciuto a te, potrebbe piacere anche i tuoi amici.